Sentiero di Ho Chi Minh

Bookmark and Share

Il Sentiero di Ho Chi Min è una rete di sentieri sterrati e strade di ghiaia che corre parallela al confine con il Vietnam. Esso veniva chiamato dai comunisti “Percorso strategico di rifornimenti Truong Son” e, sebbene venga associato alla guerra del Vietnam, essa fu originariamente usato dal Vietminh contro i Francesi negli anni '50, come strada d’infiltrazione nel Sud. L’uso più massiccio del sentiero, avvenne però tra il 1966 e il 1971, quando più di 600.000 soldati Nord Vietnamiti, con camion, carri armati, armi, munizioni e 100 tonnellate di provvigioni,  lo utilizzarono per andare a sud, in diretta violazione degli accordi di Ginevra del 1962. In più, quasi 25.000 soldati proteggevano il sentiero, che venne provvisto di baracche sotterranee, depositi di carburante, centri per la riparazione dei veicoli e postazioni anti-aeree.
Benché i Vietnamiti del nord negassero l'esistenza del sentiero e gli Stati Uniti, dal canto loro, negassero di averlo bombardato, tra il 1965 e il 1969, sotto l’amministrazione Nixon, furono scaricati in questa zona 1,1 milioni di tonnellate di esplosivo oltre a grandi quantità di erbicidi.
Il sentiero di Ho Chi Minh si trova in una zona piuttosto remota del Laos, quindi le strutture intorno sono assai scarse; lungo il percorso si possono però incontrare carri armati sovietici, aerei da combattimento e vari altri residuati bellici. La città più vicina è Sepon, situata circa 600 km a sud-est di Vientiane.